Prevenzione – CONFERENZE

Italia, Firenze – Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea

Un gran numero di esposizioni in varie città d’Europa misero in mostra il talento del artista e diedero l’opportunità per favorire la prevenzione con il Programma di PASSIONE PER LA VITA.
Uno di questi eventi fu la Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea di Firenze (Italia 2005) dove Antoine Gaber ricevette diversi Premi e riconoscimenti per la sua carriera artistica e per la sua iniziativa benefica e sociale a livello internazionale.

Antoine Gaber durante la “the Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea” di Firenze.

Il messaggio del discorso di Antoine Gaber toccò il cuore dei suoi compagni artisti, i quali si unirono a lui per sostenere lo sforzo continuo dell’artista per aiutare i malati attraverso la sua arte. Questo appoggio così importante degli artisti aprirà le porte a livello internazionale all’iniziativa benefica del Programma “Passione per la Vita” come una unica forza artistica per continuare a raccogliere fondi a beneficio dello studio e la cura del cancro.

Nel 2007, 840 artisti di 76 nazioni presenti alla Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea di Firenze e i rappresentanti del governo italiano apprezzarono le opere e l’iniziativa benéfica “Passione per la Vita” di Antoine Gaber.

Assistettero alla presentazione di Antoine Gaber Il Presidente della Biennale, Pasquale Celona, il Direttore della Biennale, Piero Celona e l’attrice di Hollywood, Anne Archer la quale consegnò alla Biennale il Premio “Artists for Human Rights” per il loro appoggio alle Nazioni Unite con il Programma “Dialogo tra Nazioni” La Biennale partecipa in questo Programma dal 2001.

La presentazione di Antoine Gaber ebbe un grande successo grazie alla sessione interattiva con il pubblico. Antoine Gaber chiese al pubblico di alzare una mano tutti coloro che hanno sofferto di cancro o conoscono qualche amico o familiare che soffre con questa terribile malattia o di alzare le due mani se conoscono più di due persone. Fu un impatto per tutte le persone presenti assistere a questa dimostrazione del pubblico che nella sua maggioranza alzarono 2 mani. Questo messaggio favorì nel pubblico la prevenzione e il desiderio di avere più informazione riguardo la malattia e di come affetta la nostra vita, famiglie e amici in tutto il mondo. L’emozione del pubblico arrivò al massimo quando Gaber chiese se c’erano persone che avevano superato il cancro. Alcune mani si alzarono e in quel momento Gaber ebbe l’occasione di presentare alcuni casi speciali di persone che avevano superato questa terribile malattia. Gaber sottolineò l’importanza del Programma Passione per la Vita e la sua lotta per creare una differenza nella nostra vita incrementando la prevenzione e il conoscimento della malattia e anche per il suo interesse per favorire la ricerca sul cancro.

La presentazione di Antoine Gaber del suo Programma Passione per la Vita attirò l’interesse della televisione e si fecero diverse interviste all’artista e ad alcuni degli invitati VIP dell’ evento come: il Presidente della Commissione della Sanità e delle Politiche Sociali del Consiglio Comunale di Firenze, il Segretario della Fondazione del Ospedale Meyer, il Presidente e il Direttore della Biennale di Firenze e la Coordinatrice Generale di eventi della Biennale di Firenze /Passione per la Vita.

Il principale tema delle interviste e dei dibattiti fu sempre l’uso dell’ arte attraverso la Biennale di Firenze e il Programma “Passione per la Vita” come mezzo internazionale per dare un messaggio importante al mondo che favorisca la prevenzione contro il cancro e appoggiare la beneficenza e la lotta contro il cancro.
Limitare l’uso dell’ energia nucleare nel mondo sarebbe una strategia importante visto che nell’ attualità in Giappone, 63 anni dopo, il disastro della bomba atomica di Hiroshima, l’incidenza del cancro nei bambini è un problema molto serio. Attualmente ci sono Ospedali pediatrici nel Giappone che stanno collaborando con l’ospedale Meyer di Firenze nel campo della investigazione per favorire la prevenzione e la cura del cancro nei bambini giapponesi.


MESSICO, STATO DI QUINTANO ROO

Nel febbraio 2007 il pittore impressionista Antoine Gaber realizzò la sua prima mostra collettiva internazionale nel Messico con il Programma benèfico Passione per la Vita nel “Museo de la Cultura Maya” di Chetumal, nello stato di Quintana Roo, Messico. La mostra collettiva di Passione per la Vita nel Messico si realizzò grazie al patrocinio ufficiale del governo dello stato, dai curatori, dai critici e con l’intervento degli sponsor, Fondazione Oasis, Hotel Sens, Cancùn e Livingston, Europa che collaborarono per il successo di quest’evento.

L’inagurazione ufficiale della Mostra internazionale con il Programma Passione per la Vita nel “Museo de la Cultura Maya” iniziò con un discorso per la stampa, per il pubblico e il taglio ufficiale del nastro con personaggi del governo dello stato, critici d’arte e alcuni degli artisti partecipanti e presenti nell’ evento con Antoine Gaber pittore impressionista e creatore del Programma Passione per la Vita.

Durante la mostra nel “Museo de la Cultura Maya” si realizzarono diverse attività collaterali e una serie di conferenze dettate dal pittore impressionista e ricercattore scientifico, Antoine Gaber, in diverse università e musei dello stato di Quintana Roo, Messico.

Due degli obiettivi principali delle conferenze scientifiche di Antoine Gaber sono incrementare la consapevolezza e la conoscenza della malattia con la prevenzione del cancro, e il diagnostico precoce tra i giovani con la speranza di avere una risposta positiva nel futuro. Il secondo obiettivo di queste conferenze è la promozione della mostra nel “Museo de la Cultura Maya” con presentazioni virtuali nello stato di Quintana Roo.

Antoine Gaber pittore impressionista e creatore del Programma Passione per la Vita fu accolto con grande successo dalle autorità, università e curatori del Messico per la sua contribuzione nel promuovere l’arte a favore della prevenzione e beneficenza.

Il Programma Passione per la Vita nello Stato di Quintana Roo si concluse nella Città di Cancùn con due eventi di Galache si realizzarono nell’ Hotel Sens con il patrocinio della Fondazione Oasis. L’evento di Gala iniziò con una conferenza dettata dal pittore impressionista e investigatore scientifico contro il cancro, Antoine Gaber, assieme alla presentazione virtuale delle opere nel “Museo de la Cultura Maya” durante i commenti degli artisti presenti.